Prevenzione e disinfestazione contro le mosche

Perché le mosche sono un problema?

Le mosche rappresentano da sempre un serio problema per gli allevamenti zootecnici irritando continuamente gli animali da reddito, impedendo loro di alimentarsi correttamente a scapito dell’accrescimento e della produttività. Sono inoltre il veicolo principale di numerose malattie quali Salmonellosi, Influenza aviaria, Dissenteria, Brucellosi, Afta epizootica, Mastite, Ascaridiosi, Clamidiosi, etc.

Le mosche sono pericolose non solo in ambito zootecnico, ma anche in ambito civile e soprattutto nelle attività dove vi sia manipolazione degli alimenti, dato che essendo attirate dalla materia organica (sia animale che vegetale) contaminano sia le superfici di lavoro che gli alimenti stessi.

La soluzione

Entoservice propone ai propri clienti un servizio completo di lotta integrata alle mosche, attraverso l’uso di tecniche e prodotti all’avanguardia e in grado di dare risultati efficaci e minimizzando l’impatto sull’ambiente, le persone e gli animali domestici.

  • Sopralluogo e studio dell’ambiente: i tecnici dell’Entoservice effettuano un sopralluogo accurato dell’ambiente all’interno e all’esterno degli allevamenti e delle strutture, individuando eventuali focolai di riproduzione delle larve (accumuli di materia organica in decomposizione). Vengono effettuati campionamenti per l’identificazione della specie  e per la verifica di eventuali resistenze agli insetticidi.
  • Prevenzione: i nostri tecnici propongono soluzioni per l’eliminazione dei focolai e installano zanzariere alle finestre e porte a lama d’aria per l’esclusione delle mosche dall’interno degli edifici.
  • Trattamenti larvicidi: i focolai che non possono essere eliminati vengono trattati con prodotti larvicidi IGR (regolatori della crescita larvale)
  • Trattamenti adulticidi residuali: viene effettuata attraverso l’applicazione di insetticidi sui manti fogliari di siepi, arbusti, superfici murarie, etc. I prodotti sono a base di esche attrattive con principi attivi derivati dal piretro o prodotti naturali.
  • Cattura massale: vengono posizionate esternamente trappole per la cattura delle mosche adulte attivate con enzimi che attraggono gli insetti e internamente trappole elettroinsetticide a griglia elettrificata in numero adeguato al tipo di infestazione.
  • Monitoraggio: viene effettuato attraverso il posizionamento di lampade elettroinsetticide a piastra collante, collocate all’interno degli ambienti di manipolazione degli alimenti e vengono effettuate delle stime periodiche del numero di insetti catturati, come previsto dalle norme H.A.C.C.P.
  • Lotta biologica con insetti parassitoidi: come tutti gli organismi viventi, anche le mosche hanno dei nemici naturali, che, vivendo a loro spese, ne limitano lo sviluppo. La lotta biologica può utilizzare questi antagonisti, introducendoli negli ambienti di proliferazione delle mosche, allo scopo di tenerne sotto controllo le popolazioni. Si tratta di piccoli imenotteri che, per nutrirsi e riprodursi, cercano attivamente le pupe delle mosche, parassitandole attraverso la deposizione di più uova al loro interno. In tal modo il ciclo biologico della mosca viene interrotto, impedendo la nascita dell’adulto. Al termine dello sviluppo delle pupe di mosca parassitizzate, escono altri parassitoidi, che avviano un nuovo ciclo di controllo biologico.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: